Realizzazione loghi aziendali efficaci: le fasi del processo creativo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Hai sempre pensato che per creare un logo bastasse mettersi davanti al pc, aprire Illustrator ed iniziare a disegnare? Purtroppo molte persone la pensano come, ma non è così. Per creare un logo aziendale che sia veramente efficace e che possa rappresentare un’azienda nel tempo, è necessario progettare il logo e seguire un processo creativo. In questo articolo ti spiego che cos’è un logo, quali caratteristiche deve avere per essere efficace e quali sono le fasi del processo creativo che bisogna seguire per poter realizzare loghi aziendale davvero efficaci.

Indice

Come creare un logo efficace?

La realizzazione di loghi aziendali efficaci richiede un processo creativo ben definito; é infatti necessario seguire alcuni passaggi fondamentali oltre ad essere in possesso di competenze adeguate. Per creare loghi aziendali capaci di rappresentare in modo univoco un’azienda nel tempo, infatti, non é sufficiente dedicarsi al disegno del logo; questo dovrà necessariamente essere preceduto dallo studio dell’azienda e della concorrenza e dalla progettazione del logo stesso. Bisognerà dunque seguire un processo creativo ben strutturato, suddiviso in fasi. In questo articolo ti parlerò di 7 fasi; tuttavia non è detto che siano tutte sempre necessarie o che debbano per forza seguire quest’ordine. La cosa importante è seguire un percorso ben strutturato, senza fare le cose a caso.

Come anticipato, per poter creare loghi aziendali davvero efficaci bisogna essere in possesso di determinate competenze. Infatti se è vero che tutti, o quasi tutti, possono disegnare un logo, non tutti sono in grado di creare un logo aziendale efficace. Se intendi realizzare un logo professionale per la tua attività dovrai quindi rivolgerti ad un logo designer o ad uno studio grafico per loghi che sia realmente specializzati nella realizzazione di loghi aziendali professionali, che oltre alla conoscenza di software di grafica vettoriale, richiede adeguate competenze di marketing per poter definire una strategia creativa efficace per il tuo business.

Prima di vedere nel dettaglio tutte le fasi del processo di creazione di loghi aziendali di successo, partiamo dalla definizione del Logo per poter comprendere al meglio quali sono le caratteristiche che questo deve avere.

Cos’è il logo?

Il logo è il segno distintivo dell’azienda, l’impronta digitale che la differenzia dalla concorrenza. Parlando della creazione di loghi aziendali si fa riferimento a due elementi molto importanti: il pittogramma, ovvero l’immagine, la parte simbolica del logo, e il logotipo, cioè la parte testuale del logo. Non tutti i loghi necessitano del pittogramma. Molti brand famosi, infatti, come ad esempio Coca Cola, Facebook, Google, hanno scelto di utilizzare esclusivamente il logotipo. Al contrario, anche se il pittogramma non è sempre necessario per la creazione di loghi aziendali di successo, il logotipo è invece sempre necessario e la scelta di font per loghi aziendali assume un ruolo cruciale nella realizzazione del logo. Per decidere se realizzare o meno un pittogramma da affiancare al logotipo bisognerà valutare con attenzione la tipologia di attività dell’azienda e il modo in cui il logo verrà utilizzato. Come vedremo in seguito, la fase del briefing con il cliente e lo studio della concorrenza e del target di riferimento sono fondamentali per poter capire se i logo necessita o meno del pittogramma.

Quali caratteristiche deve avere un logo aziendale efficace?

L’efficacia di un logo dipende dalla sua capacità di rappresentare l’azienda in maniera univoca e duratura nel tempo. Se non lo fa, allora il logo non è efficace. Il design, infatti, deve rispondere alle esigenze specifiche dell’azienda, risolvendo un problema di comunicazione del business in oggetto.

Un buon logo deve quindi essere memorabile, facile da ricordare. Un design semplice ma non banale, che sappia imprimersi nella mente di chi lo osserva lasciando un segno indelebile, è alla base della creazione di un brand forte. L’originalità del logo è un altro elemento fondamentale per poter ottenere un logo di successo. Un logo deve essere unico ed inimitabile, pertanto la creazione di un logo mediante servizi gratuiti, l’utilizzo di clip art e la modifica di vettoriali stock non può condurre alla creazione di un logo di successo. Sempre per questa ragione, per creare un logo aziendale bisogna seguire un progetto ben definito. Creare un logo non significa scopiazzare qua e là e iniziare subito a disegnare sul software di grafica. Un buon logo aziendale, inoltre, deve essere adattabile e versatile, deve cioè funzionare su ogni tipologia di supporto ed adattarsi sia a piccoli che grandi formati, a colori o in bianco e nero, senza perdere la propria efficacia comunicativa. Un buon logo, poi, deve essere senza tempo, cioè capace di rappresentare l’azienda in modo duraturo. Non bisogna creare un logo seguendo il trend del momento o i propri gusti, bisogna progettare un logo che rappresenti l’azienda e la distingua dalla concorrenza oggi come tra 10 anni. Il logo poi deve essere appropriato allo stile dell’azienda e al contesto in cui questa si posiziona. 

Se hai già un logo ma ritieni che questo non sia adeguato per rappresentare la tua azienda, puoi effettuare un restyling logo aziendale e il rebranding della tua attività, così come abbiamo fatto noi di Melagraphic con il nostro logo.

Le fasi del processo creativo

Come anticipato, la creazione dei loghi aziendali non parte dal disegno del logo; questo infatti è preceduto da altre fasi che sono fondamentali per il buon esito del logo stesso. Molto spesso capita che sia il cliente a dare le indicazioni su come realizzare il logo, sulla scelta dei colori, ecc. Ma questo è esattamente il modo di procedere più sbagliato. Per creare loghi aziendali efficaci bisogna creare un progetto, bisogna sapere se si deve realizzare il logo per un’azienda, per un prodotto o per un servizio, quale sarà il suo pubblico e su quali supporti e in quali contesti dovrà essere riprodotto. Queste sono solo alcune delle informazioni che bisogna acquisire ancora prima di mettersi al lavoro sul logo e di presentare un’offerta al cliente. L’acquisizione delle informazioni avviene nella prima fase del processo creativo, quella del Design brief. Vediamo ora quali sono le 7 fasi del processo creativo.

INFOGRAFICA realizzazione loghi aziendali efficaci le fasi del processo creativo

 

1. Design brief

In questa fase, come anticipato, bisogna raccogliere le informazioni utili e necessarie per definire il progetto e per capire la direzione da prendere per raggiungere l’obiettivo, ovvero realizzare il logo più efficace per quell’azienda. Per acquisire le informazioni necessarie bisogna porre le domande giuste al cliente. Queste informazioni serviranno per poter formulare un’offerta adeguata e saranno le linee guida di tutte le fasi successive del processo creativo.

Per consentire al cliente di fornire delle risposte precise e ragionate, puoi ad esempio inviare u questionario per email ed, in seguito alla sue risposte, potrai approfondire alcuni aspetti telefonicamente, via Skype o di persona.

1.1 Cosa chiedere al cliente durante il briefing?

Il design brief è uno strumento molto importante che hai a disposizione per capire ciò che vuole il cliente e per ricordare al cliente ciò che ti ha chiesto, qualora, a metà progetto, dovesse cambiare idea ed avanzare delle richieste completamente diverse rispetto a quelle iniziali.  Le domande che poni al cliente durante il briefing, dunque, dovrebbero aiutarti a chiarire cinque aspetti:
– informazioni sul cliente: chiedi il nome della persona con cui stai parlando ed il suo ruolo aziendale; è importante, infatti, riuscire a parlare direttamente con chi prende le decisioni all’interno dell’azienda.
– informazioni sull’azienda/attività: assicurati di chiedere il nome dell’attività, in che settore opera, chi sono i suoi concorrenti,  in quale mercato opera (locale, nazionale, internazionale).
– identificazione del target: cerca di capire chi è il cliente ideale dell’azienda e ciò che i clienti apprezzano maggiormente nei suoi prodotti/servizi.
– informazioni sul progetto: a questo punto bisogna definire la tipologia di progetto che si deve realizzare; se, ad esempio, il cliente ha già un logo che però non funziona, chiedi che cosa non funziona nell’attuale design e quali obiettivi vorrebbe raggiungere cn il nuovo design e quali concetti vorrebbe trasmettere con il nuovo logo. Per assicurarti di creare un logo che si adatti a tutte le necessità di utilizzo, inoltre, ricorda di chiedere su quali supporti dovrà essere utilizzato il logo.
tempistiche del progetto: chiedi al cliente quando vorrebbe iniziare il progetto e se ha necessità che il progetto venga terminato entro una data specifica.
Se lo ritieni opportuno, puoi porre al cliente altre domande. Ad esempio, puoi chiedere al cliente se ha un sito web e, in caso affermativo, fartidare l’indirizzo per poter acquisire ulteriori informazioni sull’azienda dalle pagine del sito web. 

2. Ricerca delle idee

Il brainstorming, tradotto letteralmente “tempesta (di idee) nel cervello” é una fase molto importante, da svolgere senza fretta. Questa fase, purtroppo spesso sottovalutata da molti designer, pone infatti le basi per poter svolgere al meglio la fase successiva, e probabilmente anche quella più importante di tutto il processo creativo, ovvero lo sketching. La ricerca delle idee può essere svolta in vari modi; si può creare una lista con tutte le parole chiave relative al progetto che ci vengono in mente, sulla base di quanto é emerso nel design brief. L’importante é non avere fretta e lasciar fluire la creatività. In questa fase, inoltre, ti consiglio di fare delle ricerche e visionare altri loghi realizzati da altri designer; potresti infatti identificare il modo in cui altri designer hanno risolto lo stesso problema di comunicazione o hanno rappresentato gli stessi concetti e prendere sounto

3. Sketching

La fase di sketching é la più importante di tutto il processo creativo. Bisogna prendere carta e matita ed iniziare a disegnare le possibili idee. Non bisogna assolutamente saltare questa fase, poiché é proprio attraverso il disegno manuale che si sprigionano le migliori idee per la creazione di loghi aziendali davvero efficaci. Molti pensano che basti aprire Adobe Illustrator ed iniziare a smanettare. In realtà non é così. Questo perché non esiste ancora nessuna soluzione tecnologica che consenta la stessa fluidità e la stessa libertà di pensiero del disegno manuale. Quindi continua a disegnare fino a che non avrai trovato la giusta soluzione; solo dopo potrai passare alla vettorializzazione del logo e perfezionare la tua idea, scegliendo il font e i colori.

4. Creazione logo vettoriale

Una volta identificato il disegno che convince di più, bisogna vettorializzare quell’idea. Per farlo si utilizzano software di grafica vettoriale come Adobe Illustrator. Chiaramente bisogna avere tutte le conoscenze tecniche per poter utilizzare al meglio questo software e rendere più veloce questa fase. In questa fase l’idea viene perfezionata e migliorata. Se non lo hai già fatto nella fase di sketching, dovresti applicare una griglia al tuo logo, per ottenere un risultato proporzionato e armonioso.

5. Scelta di font e colori

Dopo la vettorializzazione del logo si passa alla scelta dei colori e del font. In entrambi i casi bisogna prestare molta attenzione. I colori, infatti, sono in grado di trasmettere emozioni in base al contesto in cui li si utilizza, trasmettono un messaggio. Per questo motivo è importante progettare il logo a matita, tralasciando l’uso del colore, e solo successivamente scegliere il colore che si adatti meglio alle esigenze del brand. In linea generale, onfatti, un logo che funziona dovrebbe mantenere la propria efficacia comunicativa anche nella sue versioni nera e bianca. Lo stesso discorso vale per i font, il carattere tipografico é parte integrante del logo e pertanto può determinarne il successo o il fallimento. I font, infatti, trasmettono un determinato umore, possono raccontare una storia e pertanto é necessario che la scelta dei font per loghi aziendali sia in linea con le esigenze del brand. Quando si sceglie un font per il logo, inoltre, bisogna assicurarsi che la licenza del font consenta l’utilizzo dello stesso all’interno di un logo.

6. Presentazione al cliente e consegna del lavoro

Dopo la vettorializzazione del logo e la scelta di font e colori, sarà il momento di presentare il lavoro al cliente. Non è sufficiente inviare i file al cliente. Spesso molti lavori, seppur di valore, vengono scartati dal cliente proprio perché non vengono presentati nel modo giusto. Bisognerà spiegare al cliente l’intero processo creativo che ha portato alla realizzazione di quel logo, da ciò che è emerso dal brief, alla scelta di forme, colori, font, ecc. Inoltre, l’utilizzo dei mockup consente di mostrare l’utilizzo del logo in vari contesti. Ad esempio si può mostrare come sarà l’immagine coordinata già mesi prima della sua effettiva produzione. Il logo inoltre deve essere presentato nelle sue varianti, ad esempio a colori e nella versione monocromatica.

Bisognerà poi fornire al cliente tutti i file del logo in formato vettoriale, in formato raster, a colori CMYK e a colori pantone e anche nella versione monocromatica.

7. L’immagine coordinata

La necessità di realizzare l’immagine coordinata dipende dal contesto in cui deve essere utilizzato il logo. Fanno parte dell’immagine coordinata i biglietti da visita, le buste, la carta intestata, ecc. 

Conclusioni

Se hai letto tutto l’articolo, dovresti aver compreso che la creazione del logo non è mettersi davanti al computer e iniziare a provare a mettere insieme qualche forma e qualche font. Tantomeno si può scegliere di creare un logo gratis su una delle innumerevoli piattaforme online che offrono questo servizio, argomento di cui abbiamo parlato già in questo articolo.  La realizzazione di loghi aziendali efficaci richiede un processo creativo ben definito. Se vuoi creare un logo professionale e che sia davvero efficace dovrai rivolgerti ad un logo designer professionista o ad una agenzia grafica che offra un servizio di creazione loghi aziendali professionale.

Per approfondire, puoi leggere anche questo articolo in cui ti spiego come l’utilizzo di un processo creativo nella realizzazione del logo vada ad influenzare il prezzo del logo.

Preventivo logo aziendale professionale: le variabili che incidono sul prezzo.

 


PRENOTA ORA LA TUA
STRATEGIA CREATIVA

Non perdere tempo e prenota il tuo posto! Al fine di poter offrire un servizio puntuale e di qualità, avviamo un numero limitato di progetti ogni mese.

FAQ

Vorrei ricevere informazioni sui vostri servizi. Come posso contattarvi?

Se vuoi contattarci e ricevere informazioni sui nostri servizi, compila il modulo sottostante. Ti risponderemo entro pochissimo tempo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi le nostre guide e i nostri consigli via email